BANDI E CONCORSI agg. 29 gennaio 2017

 

Sino al 18 febbraio 2018, alla Fornace Alba Docilia, in mostra ‘Gli stili di Albisola’. Sono 14 gli stili in cui si sono cimentati gli artisti e gli artigiani di Albisola nel decorare le opere in ceramica. La mostra è curata da Larissa Covelli. Si comincia dalle Ceramiche turche di Iznik (Nicea), per passare al ‘Calligrafico’ (o Orientalizzante naturalistico), all’Antico Savona (bianco blu), al Levantino. Le Terracotte a taches noire precedono il Decoro Boselli, quindi si passa a Uccelli e prezzemolo, Figuretti e rovine (o ‘Valente’), alla Maiolica povera in giallo e a quella in nero, allo stile Liberty, al Mézzaro e all’Art Deco, per finire con la Ceramica futurista.
 
 
 
 
Sino al 11 febbraio 2018. Opere ceramiche di Gabry Cominale. Inizia il suo cammino verso l’arte nel mondo della moda come stilista di capi in maglieria per poi, dopo varie esperienze pittoriche e teatrali, avvicinarsi alla ceramica partecipando a corsi presso la Fabbrica Casa Museo G. Mazzotti 1903 di Albissola Marina. 
Nel 1997 alla scuola di ceramica di Albisola Superiore si avvicina alla metodologia Raku, sotto la guida del Maestro Guido Garbarino.
www.circoloartistialbisola.it    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 
 
 

Ascoli Piceno: V^ Biennale Internazionale di Ceramica "Tra Tradizione e Modernità".
La Biennale è considerata uno degli eventi che maggiormente qualifica il territorio di di Ascoli Piceno, in ambito nazionale ed Europeo, questa edizione vedrà un significativo aumento dei partecipanti, in virtù del rilevante successo che sta ottenendo la Biennale precedente, nei migliori Musei del Baltico.
Il tema scelto per l'edizione 2018 è il PAESAGGIO. La premiazione delle opere in concorso si terrà nella mattinata del 1° maggio 2018.
Termine presentazione domande: 5 febbraio 2018

 
 
 
 
L'istituto “Ruggero II” di Ariano Irpino ha vinto la rassegna “Presepiarte 2017” promossa dal Comune di Cerreto Sannita e dal Museo civico della ceramica cerretese, con una ceramica sul tema della natività.
L'opera è stata realizzata dalle allieve Giada Grasso e Elvira Molinario sotto la direzione e la guida del professore Crescenzo Galgano. 
 
 
 
 
Fino al 18 febbraio 2018.  Al MIC di Faenza prosegue la mostra di Achille Calzi (1873 -1919) a cura di Ilaria Piazza, realizzata in collaborazione con la Pinacoteca comunale e il Museo del Risorgimento di Faenza. Achille Calzi è figura importantissima per la vita culturale di Faenza e della corrente Liberty in Italia; artista attivo nella produzione e innovazione della ceramica applicata all’architettura e all’industria in Italia. 
IN FAMIGLIA attività didattica. Tutte le domeniche pomeriggio dalle 14.30 alle 16.30 il MIC propone un'attività didattica per tutta la famiglia laboratorio pratico con manipolazione dell'argilla e visita al museo. Info: 0546 697311, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 
 
 
Fino al 11 marzo. A cura di Valentina Mazzotti, in occasione dei festeggiamenti per Sant'Antonio Abate, protettore dei ceramisti, è stata inaugurata la Project Room, il nuovo spazio espositivo dedicato alla presentazione di recenti donazioni, restauri, prestiti importanti e altri progetti particolari.  La prima esposizione è dedicata a "Una donazione di porcellane della collezione Ugo Gobbi". In mostra ci sono pregevoli porcellane del XVIII secolo di manifattura europea (Meissen, Vienna, Chelsea) e italiana (la manifattura Geminiano Cozzi a Venezia e la Real Fabbrica Ferdinandea a Napoli). 
 
 
 
 
Fino al 3 giugno. Al museo faentino sarà possibile ammirare una selezione delle più belle sculture d’arredo in ceramica della storica Manifattura Lenci di Torino, a cura di  Valerio Terraroli e Claudia Casali, con la collaborazione di Stefania Cretella. Saranno esposte 150 opere provenienti dalla Collezione Giuseppe e Gabriella Ferrero, la più importante e ricca collezione dedicata alla "Lenci", a cui si aggiungono alcuni esemplari della Manifattura Essevi (che ne imitava lo stile). 
 
 
 
 
Fino al 20 maggio 2018. Palazzo Ducale di Gubbio ospita un percorso espositivo di 64 opere, di cui una parte realizzate dall’artista eugubino e altre produzioni di fabbriche italiane dello Storicismo e dell’Eclettismo tardo ottocentesco o del Novecento. A cura di Ettore Sannipoli, un'iniziativa di Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e organizzato dal Polo Museale dell’Umbria, Fondazione CariPerugia Arte e Associazione Maggio Eugubino.
 
 
 
 
Fino al 31 maggio 2018. Il MuMa di Laterza ospita una preziosa collezione di albarelli del XVIII sec., appartenenti alla collezione Virgilio Chini, luminario della medicina italiana vissuto tra il 1901 e il 1983. La mostra, a cura di Nicola Zilio, presenta una collezione di maioliche nate e prodotte nel territorio e si deve alla collaborazione con il Museo Civico di Bassano del Grappa, che conserva per intero gli oggetti e le opere appartenuti a Virgilio Chini.
 
 
 
 
Laterza (TA): Mostra "Grand Tour - alla scoperta della Ceramica italiana".
Dal 13 gennaio al 18 febbraio 2018. La mostra "Grand Tour - alla scoperta della Ceramica italiana" la selezione di ceramiche di gusto tradizionale scelte dalla collezione di rappresentanza di AiCC, sarà in esposizione a Laterza, presso il Palazzo Marchesale. A cura di Jean Blanchaert, Viola Emaldi, Anty Pansera.
 
 
 
 
Fino all'8 aprile 2018. La mostra, a cura di Rolando Giovannini, presenta quasi 200 tazzine di artisti di oltre 40 diversi Paesi, sul tema dell’Espresso e del Cappuccino. Oltre all’aspetto di curiosità e di divertimento che l’esposizione suscita per via delle interpretazioni e forme differenti, la raccolta si configura come un vero e proprio campionario di idee, di forme e di tecniche, risolte con alta capacità professionale dagli Artisti.
 
 
 
 
Fino all'11 febbraio 2018. Nove artisti hanno lavorato per alcune settimane a Montelupo, accanto alle maestranze locali per creare nuove linee di produzione per le botteghe e le aziende ceramiche della città. A seguito delle residenze,  a Palazzo Podestarile una mostra che presenta i prototipi e le nuove linee ceramiche nate dai cantieri. Progetto ideato e curato da Matteo Zauli, fondatore e direttore del museo Carlo Zauli di Faenza.
 
 
 
 
Università Ca’ Foscari e Le Nove hotel & restaurant, presentano l'opera interattiva “PLAYWORK-GUESTBIT”, progetto sviluppato da Tam Teatromusica, nell'ambito del progetto "MIMESIS " coordinato dall’assegnista Elena Agosti. Saranno creati nuovi decori ispirati alle storiche tecniche locali, riproposti in digitale con una videoproiezione “mappata” su un piatto in terraglia bianca. La presentazione del dispositivo avverrà in una serata SBITTARTE. Per info: Elena Agosti 349 326 55 51, Ricercatrice Ca' Foscari - MACLab.

 

 
 
 
 
Fino al 4 febbraio 2018. L'esposizione ha luogo presso l'Area Megalitica di Saint-Martin-de-Corléans. Primitivo femmineo è un lavoro creativo che si compone di un nucleo di sculture inedite, espressamente realizzate da Marina Torchio per questo sito.
 
 
 
 
Nella sede del Conventino in via Giano della Bella 21, il Comune di Firenze e la Fiera Internazionale della ceramica dedicano tre giorni di formazione didattica con "Incontri con artisti Internazionali della ceramica". Giuseppe Marcadent, Yvon Gouchot, Armand Tateossian, ceramisti di fama internazionale, racconteranno il loro percorso e tecniche nelle quali si sono specializzati. Organizzazione a cura di Arte della Ceramica Associazione di ceramisti.
Per informazioni:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.,
 
 
 
 
Fino all'11 febbraio 2018. NUOVE//Residency espone i lavori realizzati dall'artista Naomi Eller (1974, Melbourne, Australia, dove attualmente lavora e vive) durante il suo programma di residenza presso NUOVE//Residency, con la mostra che si terrà presso il MAC - Contemporary Art Museum, Lissone.
 
 
 
 
Fino al 14 marzo 2018. Le sculture di de Vries offrono una seconda opportunità narrativa a manufatti dalla fattura squisita dando loro una nuova simbologia. De Vries punta il suo sguardo artistico sul modello culturale occidentale secondo cui la rottura di un oggetto ne comporta automaticamente il suo scarto. In questa mostra Cina ed Olanda sono i poli estremi della sua narrazione. La prima come forza trainante della manifattura della ceramica, la seconda, oltre che la sua patria, ha come potenza mondiale nel XVII secolo, grazie agli scambi commerciali con l’Oriente in preziose porcellane e maioliche di Delft.
 
 
 
 
notizie

ASCOLI PICENO: V^ Biennale Int.le

continua

CERRETO SANNITA (BN). III PRESEPIARTE

continua

GROTTAGLIE: XXXIX MOSTRA DEL PRESEPE

continua

Forme Attuali a Leguminaria

continua

© 2018 Armando Duranti - Mastri Vasari Auximi, Via King, 12/b Osimo AN, cf 93153330423 - Immagini laterali: le opere sono di Sandra Zuccari e Paola Grizi.

Please publish modules in offcanvas position.